mercoledì 28 novembre 2007

Due sketch di Mikhail Zhvanetsky

Mikhail Zhvanetsky nato il 6 marzo 1934 è un famoso scrittore satirico russo d'origine ebraica, l'autore e recitatore di numerosissimi sketch. Ecco un articolo su di lui nella wiki inglese, e questo è il suo sito ufficiale in russo. Ho tradotto alcuni dei suoi sketch che mi sembrarono traducibili, spero che saranno comprensibili anche per gli italiani.

Eccovi un paio:

SFORTUNATO

Sfortunato Lei, perché il medico specialista chi sa curare bene, proprio ora è in viaggio d'affari. Però abbiamo un altro, non peggio di lui.
E' meglio mettersi d'accordo in modo privato. Però ricoveriamo anche i pazienti indirizzati ufficialmente dall'ambulatorio.
Da noi si usano i lasciapassare. Però ti lasciano passare anche senza.
La cura costa cara, ma non è obbligatorio di pagarla.
Di solito si paga qualcosa alle infermiere, alle suore, ma ti assistono anche gratis.
Perciò Le consiglierei di aspettare il ritorno dello specialista, mettersi d'accordo con l'infermiera e pagare. Ma non è assolutamente necessario di fare tutte ste cose, se Lei non è interessato nel risultato di cura.

Pillole contro l'ansietà

Allora, mi racconti cosa La preoccupa?
- La nostra vita, dottore. Dubito che Lei sia in grado di aiutarmi.
- Proviamo comunque. Cosa La preoccupa particolarmente?
- E' che loro sono idioti assoluti? Non capiscono niente affatto?
- Seduxen, tasepam, una pillola dopo il cibo tre volte al giorno.
- Mi aiuterà? Grazie. Per esempio io, avendo laurea d'ingegnere sono diventato un'idiota assoluto, non capisco come succede che loro non capiscono...
- Elenium prima del sonno.
- Va bene. E capirò tutto?
- No, ma sarà pigro di meditare sopra.
- In tal caso una domanda semplice: dove trovare il rubinetto per l'idraulico?
- In farmacia. Una alla volta.
- E cosa succede?
- Niente.
- E l'idraulico?
- Le ho già prescritte anche a lui.
- Va bene, dunque ora...
- Voi non servite più uno all'altro. Di più che questi rubinetti non sono trovabili in commercio.
- E dove sono questi rubinetti?
- Un'altra compressa ancora.
- E li troverò?
- Cercherà un po' prima di andare a coricarsi e si assopirà.
- E domattina?
- Ma le tenga sempre sotto mano. Un'altra pillola ancora dopo il cibo e si appisolerà.
- Preferirei di appisolarmi prima del cibo.
- Molto sensato!
- E ora la cosa principale: dove posso procurarmi queste pillole e compresse?
- Ne ho due. Ne ingeriamo una io e una Lei e non ci penseremo più!

Una barzelletta su di lui:
- Signor Zhvanetsky, molte personalità del mondo artistico appoggiano il partito del Presidente nella sua campagna elettorale, perché Lei non gli presta nessun sostegno?
- Come no? Gli presto un'assistenza molto sostanziale.
- In che modo?
- Tacendo su di loro.

Nessun commento: